• +39 0458004363
  • info@fondazionecristianotosi.org

LA FONDAZIONE



La Fondazione Cristiano Tosi intende agire privilegiando otto piani operativi. E’ aperta però alla collaborazione con Enti, Società, Istituzioni Pubbliche e Private per operare a 360 gradi nel tessuto sociale e umano del nostro paese:

1 Lo sport agonistico paralimpico;

2 L’assistenza neuro-psico-motoria per disabili motori o cognitivo motori (progetto NEP);

3 L’inclusione delle categorie speciali, in misura maggiore di quanto richiesto dalle normative vigenti, nel mondo del lavoro di impresa (impiego nei quadri lavorativi di Asperger e Down);

4 L’attenzione alla psico-motricità infantile e adulta;

5 L’attenzione alla crescita puberale con il “progetto Andro-Fit”, immaginato dall’unità di Andrologia Pediatrica di Milano (unica in Italia) dell’Ospedale San Paolo e da implementare nelle sedi sportive e scolastiche dell’intero territorio nazionale;

6 Una progettazione di impresa meno aggressiva dal punto di vista energetico, in modo da privilegiare le fonti rinnovabili e diminuire gli sprechi. Infatti, come è facile immaginare, troppe sono le aziende fortemente energivore nei nostri territori e, in base a tale considerazione, la Fondazione assume l’impegno etico di contribuire alla crescita della solidarietà ambientale tra le Comunità, promuovendo seminari e convegni per una ecologia umana e sociale sostenibile;

7 La promozione di una costante attenzione al mondo della Cultura in genere. Se lo Sport stesso può dirsi cultura, ciò non toglie che promuovere le iniziative, le più disparate, che stimolino i giovani ad avvicinarsi ai campi dell’Arte, della Scienza, della Letteratura, sembra essere compito ineludibile per tutti coloro che hanno a cuore lo sviluppo olistico della nostra gioventù;

8 La Fondazione appoggia incondizionatamente qualsiasi attività sia volta a diminuire le carenze, sul piano sociale e umano, che contraddistinguono lo sviluppo dei paesi occidentali e del terzo mondo.

CONCLUSIONI L’operatività della Fondazione servirà pertanto a coinvolgere settori privati e istituzionali in un mondo, quello del Sociale che, di là dal venire solamente sbandierato come foglia di fico di imprese nate per fare unicamente profitto, deve essere sostegno morale di ogni Azienda. E’ l’imperativo categorico che deve immettere nuova linfa vitale nel mondo degli affari e in quello imprenditoriale, e che costringerà i capitani di impresa a prestare attenzione non soltanto, appunto, al profitto, ma alla dimensione etica dei rapporti umani, a vantaggio della nostra crescita sociale e civile.